Sei qui: Home
comunità montana Alento Monte Stella

Palazzo Cagnano a Laureana (sede della comunità montana)

Sugli incendi del 10 agosto

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Administrator    Venerdì 12 Agosto 2011 14:10

Un vero e proprio bollettino di guerra quello diramato dalle squadre di intervento della Comunità Montana “Alento-Montestella” sui roghi che si sono verificati lo scorso 10 agosto nella Valle dell’Alento. “Dalle 12 – specificano nella relazione – si è iniziato a intervenire a Perdifumo in località Pertosa”. Da qui alle 16 a Montecorice in località “Ripe Rosse”,  alle 17.30 a Castellabate in  località San Pietro, alle 19.30 di nuovo a Montecorice ma in località San Donato, alle 20.10 a Laureana Cilento in località Spinelli, alle 20.30 a Castellabate in località Giungatelle, alle 22.00 a Laureana Cilento ma in località Mango, alle 22.50 in due posti a Laureana Cilento in località Spinelli e a Perdifumo in località San Vincenzo, alle 23.30 ancora a Perdifumo in località Noce, alle 01.00 a Pollica in località Cannetiello e alle 04.20  a Montecorice in località Rosaine. “E’ rimasto scoperto – aggiunge la relazione – solo l’incendio che si è stato segnalato in località Crocicchio che è stato spento dai volontari”. Le squadre d’intervento hanno lavorato ininterrottamente  dalle 12.00 del 10 agosto fino alle ore 07.30 del 11 agosto 2011. Sono stati impegnati circa 25 unita con 5 autobotti: “Un impegno serrato per difendere il territorio. –chiosa Emanuele Giancarlo Malatesta presidente della Comunità Montana –  Questo fa capire quanta importanza abbia il servizio AIB”. Inoltre alla sala radio di Laureana Cilento, coordinata da Giuseppe Gargione, sono arrivate tante segnalazioni: tra esse anche quella di un’auto sospetta che seguiva gli operai e accendeva fuoco non appena essi si allontanavano; la qual cosa  e’ stata segnalata  alle  forze dell’ordine.

 

Comunità Montana "Alento-Montestella", 142 lavoratori a rischio licenziamento

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Administrator    Giovedì 11 Agosto 2011 10:15

LAUREANA CILENTO – Una richiesta di risorse aggiuntive per la tutela del territorio e il conseguente mantenimento dei livelli occupazionali. E’ stata avanzata dal presidente della Comunità Montana “Alento-Montestella” Emanuele Giancarlo Malatesta. “Abbiamo inviato la richiesta alla Giunta regionale – spiega il presidente – per portare a conoscenza degli amministratori le gravissime difficoltà del settore forestale e della salvaguardia del territorio con dirette, drammatiche, conseguenze sul futuro occupazionale di un rilevante numero di lavoratori a tempo indeterminato”. Nei giorni scorsi c’era stato un tavolo tecnico nella sede della Comunità Montana a Laureana Cilento con le organizzazioni sindacali di categoria per agire insieme a risolvere questa vicenda: “Dopo di allora – continua Malatesta – abbiamo deciso di far conoscere nello specifico ai nostri amministratori regionali le conseguenze pratiche dei tagli operati al piano di forestazione 2011”. In effetti con la delibera di Giunta regionale dello scorso 19 luglio sono stati stanziati 80 milioni di euro contro i 92 milioni di euro ipotizzati dalla cabina di regia e a fronte dei 104 milioni di euro che sarebbero indispensabili. “In assenza di diverse disposizioni da parte della Regione – denuncia Malatesta – si rende di fatto impossibile garantire il tempo indeterminato per l’anno 2011 ai 142 lavoratori idrualico forestali attualmente in servizio. Il fabbisogno delle risorse aggiuntive di cui avremmo bisogno è di 1.300.000 euro”. Se non ci muove per tempo quindi non c’è altra via che eliminare il tempo indeterminato dei lavoratori forestali e “obbligatoriamente – precisa il presidente – ricorrere alle procedure di licenziamento per mancanza di copertura finanziaria”. Per scongiurare quella che è una vera e propria sciagura per il territorio occorre reperire risorse economiche certe per circa 11mila giornate lavorative: “Questi operai tra l’altro – chiosa Malatesta – sono già da alcuni mesi senza stipendio determinando così uno stato di agitazione continuo con gravi ripercussioni sul regolare svolgimento del servizio”. Alla situazione di crisi determinata dal minor gettito monetario trasferito dalla Regione alla Comunità Montana si è aggiunto anche il mancato spostamento delle risorse provinciali già assegnate e il mancato finanziamento dei progetti dei bandi PSR: “Siamo in una situazione di non ritorno – conclude Malatesta – è il momento che ci siano immediate decisioni positive sia per i lavoratori coinvolti direttamente nella vertenza sia per il territorio che non può sopravvivere senza il fondamentale servizio di forestazione”.

 
Altri articoli...
Pagina 11 di 12

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedi la nostra cookies policy.

Accetta i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information